I Gruppi Familiari

BENEDETTO XVI

7 febbraio 2007

Saluto ai pellegrini presenti nellaBasilica Vaticana convenuti dalle Diocesi della Lombardia, in occasione dellaVisita “ad Limina Apostolorum” dei Vescovi Lombardi:

Cari fratelli e sorelle delle Diocesi Lombarde!

(...) La Chiesa che vive in Lombardia, e qui rappresentata in tutte le sue componenti, ha un ruolo importante da continuare a svolgere nella società lombarda: annunciare e testimoniare il Vangelo in ogni suo ambito, specialmente dove emergono i tratti negativi di una cultura consumistica ed edonistica, del secolarismo e dell’individualismo, dove si registrano antiche e nuove forme di povertà (…)

* * *

Aquila e Priscilla       http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/audiences/2007/documents/hf_ben-xvi_aud_20070207_it.html

(… )  Un’ulteriore lezione non trascurabile possiamo trarre dal loro esempio: ogni casa può trasformarsi in una piccola chiesa. Non soltanto nel senso che in essadeve regnare il tipico amore cristiano fatto di altruismo e di reciproca cura,ma ancor più nel senso che tutta la vita familiare, in base alla fede, è chiamata a ruotare intorno all'unica signoria di Gesù Cristo.

Aquila e Priscilla con Paolo.jpg

Non a caso nellaLettera agli Efesini Paolo paragona il rapporto matrimoniale alla comunione sponsale che intercorre tra Cristo e la Chiesa (cfrEf 5,25-33). Anzi, potremmo ritenere che l’Apostolo indirettamente moduli la vitadella Chiesa intera su quella della famiglia. E la Chiesa, in realtà, è la famiglia di Dio. Onoriamo perciò Aquila e Priscilla come modelli di una vita coniugale responsabilmente impegnata a servizio di tutta la comunità cristiana.  E troviamo in loro il modello della Chiesa, famiglia di Dio per tutti i tempi. (...)