riga

un secolo di parroci al Suffragio



don Mirko Bellora

E' nato il 18 novembre 1946 a Cardano al Campo in provincia di Varese ed è stato ordinato sacerdote il 27 giugno 1970.
Come primo incarico viene nominato coadiutore nella parrocchia di Sacconago frazione di Busto Arsizio poi, dal 1974, in quella dei SS. Siro e Materno a Desio. Nei primi anni, quelli della contestazione studentesca, ha modo di conoscere da vicino il mondo giovanile, le sue ansie, le sue attese perché ha l'opportunità di insegnare religione, prima al liceo artistico di Busto Arsizio e poi al liceo scientifico e classico di Desio. Nel 1984, dopo le diverse esperienze come coadiutore ed insegnante, è nominato parroco nella parrocchia di San Giuseppe a Monza dove rimane per dieci anni.
don Mirko Il 30 Ottobre 1994, in occasione delle celebrazioni per il 98░ anniversario della comunità parrocchiale, fa il suo ingresso solenne al Suffragio.

FACCIAMO MEMORIA
"Pur avendo i piedi ben radicati per terra ha l'anima del poeta", così ce lo ha presentato un suo amico monaco.
E' il parroco che ha guidato la comunità verso il centenario della sua costituzione. È doveroso e necessario ricordarlo fra tutti coloro che hanno contribuito ad abbellire la chiesa, a rinforzare la comunità e ad animare le tante risorse presenti con discrezione e un immancabile sorriso sul volto.
Amante delle citazioni poetiche ha rinnovato e rallegrato i pochi spazi aperti: Il cortile dei sogni e degli incontri (1996), dotato la chiesa di portali nuovi, le Porte bronzee (1996) inaugurate nelle celebrazioni per il centenario a chiudere simbolicamente il primo secolo e a concludere la costruzione materiale dell'edificio; le Vetrate dell'Amore Trinitario (1996) che completano l'abside; la nuova sacrestia (1996), moderna custodia della rispettabile quadreria del Suffragio, la sistemazione del capocroce del transetto destro per accogliere il nuovo Battistero che, con le sue dimensioni imponenti, l'assoluta modernitÓ e la contrapposizione cromatica tra la purezza cristallina del fonte battesimale e le sfolgoranti figure della pala stabilisce un rapporto aggressivo con il fedele come per ricordargli che la vita del cristiano Ŕ una libera scelta di pensiero e di volontÓ.
Prima di lasciare la parrocchia ha rinnovato (2006) il presbiterio dotandolo di un nuovo altare bronzeo e spostato quello di Leone Lodi nella grande cappella di s. Proto che ha così acquisito nuovo e pi¨ importante aspetto.
Ai suoi successori ha anche lasciato molti ambienti rinnovati ed in particolare il centro d'ascolto "Mater Caritatis". Ricordiamone da ultimo la produzione letteraria con la pubblicazione di importanti testimonianze in occasione dei quaresimali.
Da ottobre 2009 Ŕ prevosto a Vimercate, responsabile della Comunità pastorale Beata Vergine del Rosario - Vimercate e Burago di Molgora
Attualmente le sue omelie sono disponibili sul sito: http://www.donmirkobellora.it


riga
Pagina precedente Inizio pagina