riga

un secolo di parroci al Suffragio



don Oreste Brovelli

Di don Oreste si hanno poche notizie e quelle poche sono frammentarie. Dalla Guida ufficiale del clero sappiamo che è ordinato sacerdote nel 1889 e che è stato parroco dal 1892 della parrocchia di Zelo Surrigone, nella Pieve di Rosate.
Il 14 luglio 1912 viene nominato parroco di Santa Maria del Suffragio ma fa il suo solenne ingresso solo il 12 gennaio 1913.
don Brovelli Muore il 22 giugno 1923. Per volontà testamentaria è sepolto nel Cimitero Monumentale di Milano.

FACCIAMO MEMORIA
La mancanza del Chronicon dal novembre 1915 all'ottobre del 1924 non ci consente di ricostruire quali possano essere state le sue iniziative pastorali all'interno della comunità. Ci rimangono solo alcune opere materiali.
Don Brovelli ha ereditato una chiesa completata nelle sue strutture primarie ma alquanto spoglia nel suo interno. Un lascito di don Riva gli consentirà di far costruire, quasi alla fine del suo primo anno di vita parrocchiale, l'altare di Sant'Agostino e Santa Monica quello che, ad eccezione della balaustra, completa ancora oggi la sesta campata della navata destra.
A don Oreste va ascritto il primo intervento di una certa consistenza sulla chiesa originale.
Nel 1915, per festeggiare il suo venticinquesimo anniversario di consacrazione sacerdotale, venne progettato, a cura dell'ing. Chiappetta, il nuovo altare maggiore che inquadra il trittico su tavola raffigurante l'Addolorata di Eugenio Cisterna.
Si adoperò per ottenere un maggior spazio intorno alla chiesa e da uno scritto di mons. Tredici sappiamo che fece iniziare la facciata e condusse i lavori fino all'altezza di 4-5 metri, ma senza alcun dettaglio, sempre su disegno dell'ing. Chiappetta.
Indubbiamente non sono stati pochi gli ostacoli e le preoccupazioni di natura economica che ha dovuto superare: la povertà generalizzata del tempo, il conflitto mondiale, il carico di debiti accumulati per la costruzione della chiesa, tutto questo ha contribuito a renderlo diffidente e a porre molti ostacoli alla formazione della nuova parrocchia di Calvairate (oggi S.Pio V e S.Maria Nascente di Calvairate - vedi http://www.parrocchie.it/milano/spioV ) soprattutto per la conseguente divisione del cospicuo beneficio come sottolinea G. Vigotti in un suo testo sul territorio di Calvairate.


riga
Pagina precedente Inizio pagina Pagina seguente